Perché-un-supporto-psicologico-nei-percorsi-di-PMA-copia-1200x1033.jpg

Federica Faustini e Valentina Berruti, psicologhe e psicoterapeute del centro B-Woman, terranno lunedì 11 luglio dalle 18.30 alle 19.30 un incontro su Zoom gratuito in collaborazione con il Centro GeneraLife di Milano per capire quando, come e perché c’è bisogno di un supporto psicologico nei percorsi di Procreazione Medicalmente Assistita.
Il webinar sarà moderato da Stefania Tosca, Patient Care GeneraLife Milano.

Per registrarsi clicca QUI

La-nutrizione-B-Woman-anche-in-Umbria-1200x1200.png

Da giovedì 30 giugno il servizio di nutrizione B-Woman sarà presente anche nel centro GeneraLife Umbria, Via Papa Paolo VI, 2 – 06019 Umbertide (PG).

Ad accogliervi ci sarà la biologa nutrizionista Martina Deleuse che si occupa della nutrizione della donna in tutte le sue fasi: dall’età fertile, alla gravidanza fino alla menopausa, non tralasciando però la nutrizione sportiva.

Per maggiori info e per prenotare una consulenza

Tel. +39 075 9417716
info@umbria.generalifeitalia.it
Genera Life – Umbria
Via Papa Paolo VI, 2 – 06019 Umbertide (PG)

Donazione-di-gameti-dai-4-anni-se-ne-può-parlare-ai-bambini.png

“Non esiste una regola universale uguale per tutti su quale età sia meglio scegliere per rivelare al bambino che è nato da fecondazione con donazione di gameti, spiega Federica Faustini, psicologa e psicoterapeuta del centro B-Woman”.

Dai 4 anni in poi
“Generalmente si consiglia di parlarne verso i 4 anni quando i bambini iniziano a capire che non sono sempre esistiti ma che ad un certo punto sono nati. In questo modo il bambino crescerà con l’idea e la consapevolezza di aver sempre conosciuto la sua storia e questo può essere positivo nella costruzione della sua identità”.

Come scegliere il linguaggio giusto per raccontare la nascita al bambino

“Rispetto al come dirlo è molto importante il clima emotivo che si genera intorno al tema della divulgazione, perché il modo in cui i bambini assimilano un’informazione è direttamente proporzionale al modo in cui i genitori gliela propongono. Per quanto riguarda invece il linguaggio è molto utile che non sia confusivo, ossia significa magari usare il termine donatore e donatrice anziché madre biologica e padre biologico e se il bambino è piccolo utilizzare i termini semini e ovetti anziché gameti, ovociti e spermatozoi”.

Il linguaggio se scegli di aspettare fino agli 8/12 anni del bambino

“Se invece si sceglie di aspettare fino agli 8/12 anni del bambino, il linguaggio ovviamente cambia e può essere utile spiegare al ragazzo che si può avere un legame genetico con quest’ultimo senza però esserne il genitore e che allo stesso tempo qualcuno può essere genitore senza avere una connessione genetica con il proprio figlio”.

Obiettivo finale

“L’obiettivo finale, infatti, conclude la Dr.ssa Faustini, è quello di far comprendere loro che talvolta la scienza e l’amore hanno bisogno di lavorare insieme per creare un bambino che è fortemente desiderato”.

Allattamento-limportanza-di-coinvolgere-i-papà-1.png

L’arrivo di un figlio è sicuramente la gioia più grande che si possa provare sia per la mamma che per il papà. A volte, però, può provocare all’interno della coppia degli scombussolamenti soprattutto nella gestione quotidiana dei ruoli genitoriali.

B-WOMAN Srl

Via dei Monti Parioli 6, 00197 Roma
PI e CF 14999761001
Pec: b-womansrl@legalmail.it
Mail: info@b-woman.it
www.b-woman.it

Tel: 06/92599080
Tel: 06/92599081
Mob: 393-9259908

Orari

 Lun 09.30 – 18:30
 Mar 09.30 – 18:30
 Mer 09.30 – 18:30
 Gio 09.30 – 18:30
 Ven 09.30 – 13:30
 Sab – Dom Chiuso

Lavora con noi

B-woman cerca nuove figure professionali da inserire nel proprio team su ROMA – MILANO – TORINO

Inviare il proprio CV alla mail
collaboratori@b-woman.it

Copyright B-Woman 2022. All rights reserved.