Infertilità e Pma: Come proteggere la coppia?

Infertilita-e-Pma-Come-proteggere-la-coppia-1200x1200.png

La coppia vive l’infertilità  come un profonda crisi personale a cui poi si aggiungono lo stress e la sofferenza che spesso  accompagnano i percorsi di PMA.

Questi vissuti, spiega la psicologa e psicoterapeuta Federica Faustini, sono cosi intensi da avere un impatto in ogni area  della vita. Capita spesso, infatti, che non si riesca  più a comunicare con il proprio partner o ci si allontani dai famigliari o dagli  amici. Ci si preoccupa poi  dei costi da affrontare e dei tempi sottratti al lavoro. Inoltre la sessualità si impoverisce, perché percepita sterile e meccanica.

Cosa fare?

“Tutto questo è normale, sottolinea la Dr. ssa Faustini, ma è molto importante  cercare di mantenere una centratura in questo percorso, cercando di attingere a tutte le risorse personali e di coppia utili per riuscire ad affrontarlo con maggiori  energie fisiche  e mentali”.

Ecco alcuni consigli per proteggere la coppia

•Partire dalla coppia

“E’ proprio dalla coppia che è importante iniziare afferma L’esperta. quando  si vive un momento di profonda crisi, infatti, spesso ci si ritrova a mettere in discussione tutto: la relazione, il sentimento, l’affinità. In realtà spesso e volentieri quello che si crea  è per lo più un problema  di comunicazione, una comunicazione che si irrigidisce e che crea risentimento. La donna nel percorso di cura tende a iper-responsabilizzarsi, ha bisogno di documentarsi, di informarsi, di parlare e sfogarsi, l’uomo, invece, tende ad esprimersi di meno, a sopprimere le emozioni, a cercare la distrazione e i propri punti di fuga. Questo porta entrambi a percepirsi poco interessati l’uno all’altra”

•Modi diversi di reagire e di affrontare la sofferenza non vogliono dire disinteresse

“Quello che è importante capire, continua la psicoterapeuta, è che un modo diverso di reagire non significa necessariamente disinteresse, ma è semplicemente un modo differente di affrontare la sofferenza. Fondamentale è fermarsi ed ascoltarsi e trovare insieme nuovi modi per soddisfare i bisogni reciproci. Per la donna, ad esempio, possono essere il desiderio di sfogarsi e di non sentirsi sola. Per l’uomo, invece, la possibilità di distrarsi trovando degli spazi liberi dall’infertilità. Anche trovare un focus che sia diverso dal tema del concepimento può essere molto importante per la coppia, i progetti comuni accomunano e rinforzano il legame”.

•Tutelare il rapporto con il proprio medico

“Un altro rapporto da tutelare, continua la dottoressa , è quello con il medico al quale ci si è affidati per il trattamento. Alcune  coppie hanno timore ad esporre al medico tutti i dubbi, i timori o le preoccupazioni legati al percorso da affrontare, a volte, terminata la visita, tornano a casa con alcuni interrogativi  che rimangono insoluti, poiché ritengono di non dover disturbare ulteriormente il ginecologo o poiché pensano che questi non gli risponderà.  Prima di prendere qualsiasi  decisione è importante che la coppia si riconosca il diritto di  poter chiarire ogni dubbio, ogni quesito, esigendo di ricevere discorsi chiari e semplici sull’iter terapeutico da affrontare.  

•Evitare tutte quelle situazioni sociali che possano arrecare ulteriore sofferenza

“Ci sono poi le relazioni con gli  amici e i familiari che non sono sempre semplici da gestire, spiega la Dr.ssa Faustini. Il confronto con chi sta vivendo l’esperienza della gravidanza o con chi ha figli, è spesso doloroso ed è quindi importante che almeno in una fase iniziale, la coppia si protegga e si dia il permesso di evitare tutte quelle situazioni sociali che possano arrecare ulteriore sofferenza; a volte invece la coppia vorrebbe confidarsi, anche per liberarsi momentaneamente dal peso, ma allo stesso tempo teme di non riuscire a mettere un limite a tutte le domande che poi riceverebbe dalle persone con le quali ha condiviso il proprio vissuto. In questo caso può essere utile chiedere apertamente come si vuole essere aiutati,  avendo cura dei propri bisogni personali  e dei  propri momenti”.

Importante: l’atteggiamento mentale con il quale si affronta la PMA

“Infine conclude l’esperto l’atteggiamento mentale con il quale si affronta la PMA, è un altro elemento importante che condiziona il vissuto emotivo delle coppie in trattamento, spesso la coppia intraprendere il percorso carica di aspettative e di fiducia, questo è assolutamente normale, poiché in linea con i messaggi che ci invia la medicina moderna, dove tutto  curabile e tutto risolvibile, accade però  che in presenza di un eventuale fallimento, la delusione venga vissuta con ancora più sofferenza e abbattimento, portando poi a maturare un altro tipo di pensiero: “se non è andata bene questa volta allora non andrà bene mai”. E’ invece fondamentale che si arrivi al percorso con un’aspettativa realistica, preventivando sia il successo che l’insuccesso e che ciascun  partner non si focalizzi troppo sulle chances di successo di un unico trattamento quanto piuttosto provi  a pensare in termini di “ciclo di più trattamenti”.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


B-WOMAN Srl

Via dei Monti Parioli 6, 00197 Roma
PI e CF 14999761001
Pec: b-womansrl@legalmail.it
Mail: info@b-woman.it
www.b-woman.it

Tel: 06/92599080
Tel: 06/92599081
WhatsApp: 393-9259908

Orari

 Lun 09.30 – 18:30
 Mar 09.30 – 18:30
 Mer 09.30 – 18:30
 Gio 09.30 – 18:30
 Ven 09.30 – 13:30
 Sab – Dom Chiuso

Lavora con noi

B-woman cerca nuove figure professionali da inserire nel proprio team su ROMA – MILANO – TORINO

Inviare il proprio CV alla mail
collaboratori@b-woman.it

Copyright B-Woman 2022. All rights reserved.