Una gravidanza dopo la PMA: perché ora ho paura?

Una-gravidanza-dopo-la-PMA-perché-ora-ho-paura-1200x801.jpg

L’esito positivo del percorso di Procreazione Medicalmente Assistita genera gioia e soddisfazione, spesso molte donne la vivono come una sorta di premio dopo  le tante fatiche fisiche ed emotive, gli investimenti economici e di tempo e i diversi sacrifici che sono stati fatti per riuscire ad avere un bambino.

Talvolta i sentimenti di gioia e soddisfazione vengono accompagnati da paure e timori che possono rendere sia la gravidanza che il primo periodo di genitorialità particolarmente faticosi da affrontare e gestire. Alcune donne  vivono simultaneamente emozioni contrastanti: da una parte c’è la felicità per la gravidanza in corso e dall’altra la paura di perdere il bambino, pensano  inoltre di non avere  il diritto di lamentarsi perché oramai hanno quello che hanno sempre desiderato, ovvero un bambino in grembo.  A volte queste paure sono ancora più evidenti tanto da creare due condizioni opposte: da una parte l’evitamento con il quale  la donna  si protegge dalla paura di perdere il bambino e quindi cerca di pensare il meno possibile al fatto di essere incinta, dall’altra l’ipervigilanza  che consiste nel monitorare ogni sintomo e nel sottoporsi a più indagini ecografiche per ottenere rassicurazioni sull’evoluzione della gestazione, questo purtroppo succede quando è ancora presente quel sentimento di inadeguatezza  che ha accompagnato molte donne nel tempo e che temono di non poter mettere al mondo un figlio.

Consigli

La prima cosa che è importante capire in questi casi, è che assolutamente normale sentirsi in questo modo. Ogni gravidanza per quanto desiderata può generare sentimenti ambivalenti, di gioia, alternati, a malessere, paura, tensione o ansia, soprattutto per chi ha vissuto l’esperienza dell’infertilità e della PMA, in questi casi  l’adattamento a questa nuova  fase di vita  può richiedere più tempo, ma è altresì importante che l’esperienza vissuta in passato  venga elaborata per lasciare spazio ad una nuova realtà ovvero quella della donna fertile  che sta per diventare mamma, vivere con maggiore serenità questa fase significa intanto parlarne, in primo luogo con il proprio partner, poiché  è una tappa della vita  che riguarda entrambi,  condivisione e confronto inoltre permettono  di ridimensionare le paure, poi con il ginecologo che è la figura di riferimento principale e sicuramente parlarne nei gruppi, soprattutto quei gruppi formati  da coppie  che hanno vissuto delle esperienze simili  e con le quali sarà più facile entrare in relazione e confrontarsi.

Leggi la storia di Carlo e Sveva “La gravidanza dopo un percorso di PMA. SI può vivere con tranquillità?”

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


B-WOMAN Srl

Via dei Monti Parioli 6, 00197 Roma
PI e CF 14999761001
Pec: b-womansrl@legalmail.it
Mail: info@b-woman.it
www.b-woman.it

Tel: 06/92599080
Tel: 06/92599081
Mob: 393-9259908

Orari

 Lun 09.30 – 18:30
 Mar 09.30 – 18:30
 Mer 09.30 – 18:30
 Gio 09.30 – 18:30
 Ven 09.30 – 13:30
 Sab – Dom Chiuso

Lavora con noi

B-woman cerca nuove figure professionali da inserire nel proprio team su ROMA – MILANO – TORINO

Inviare il proprio CV alla mail
collaboratori@b-woman.it

Copyright B-Woman 2022. All rights reserved.