Alimentazione durante il primo trimestre di gravidanza

Alimentazione-durante-il-primo-trimestre-di-gravidanza-1200x1200.jpg

Durante la gravidanza seguire una dieta adeguata già nel corso del primo trimestre, permette alla futura mamma di assumere tutti i nutrienti necessari per il proprio benessere e per quello del bambino. Ciò non significa però né mangiare per due, né ingrassare molto.


Nei primi 3 mesi di gravidanza il fabbisogno calorico non aumenta e dunque: 

✔️ una donna normopeso dovrebbe ingrassare solo di 1,6 kg;
✔️ in caso di sottopeso è desiderabile un aumento di peso maggiore (idealmente, 2,3 kg);
✔️ mentre per le donne in sovrappeso (a cui il ginecologo potrebbe addirittura consigliare di dimagrire prima del concepimento) è previsto un incremento ideale di soli 0,9 kg.

Durante il primo trimestre i fabbisogni calorici sono pressapoco uguali rispetto a quelli pre gravidici (c’è un fabbisogno aggiuntivo di 69kcal al giorno).
Gli organi del vostro bimbo si formano nei primi tre mesi; in questo periodo conviene quindi evitare le situazioni estreme.

Cosa fare

❌ Non è il caso di cambiare drasticamente la vostra alimentazione passando da una dieta a base di carne a una completamente vegetariana: il vostro corpo avrebbe bisogno di mesi per adattarsi al cambiamento.
✅ Cercate di mangiare cibi poco raffinati e non trattati e prestate attenzione (come in tutta la gravidanza) ad alimenti crudi in seguito ad esame specifico per la toxoplasmosi.

I cibi da evitare

Il pesce crudo: a meno che non ci sia la certezza che sia stato preventivamente surgelato a -35°C per almeno 15 ore o congelato a -20°C per almeno 7 giorni. La stessa raccomandazione è valida per i molluschi e i crostacei

Le uova crude: in questo caso il rischio che si corre è di contrarre la salmonellosi, che può scatenare febbre e disturbi gastrointestinali. È quindi bene fare attenzione a tutti i cibi che potrebbero contenere uova crude o poco cotte, come la maionese preparata in casa

La carne cruda: che può essere contaminata dal batterio della listeriosi (Listeria monocytogenes), una patologia che durante la gravidanza può manifestarsi con sintomi poco specifici (febbre, affaticamento, dolori), ma può avere gravi complicazioni, inclusi aborto e parto prematuro. Inoltre, cuocere accuratamente la carne di pollo aiuta a evitare il Campylobacter, associato anche al rischio di aborto

I salumi e gli insaccati: a meno che non si sia immuni alla toxoplasmosi

Il latte crudo: anche in questo caso il rischio è di contrarre infezioni come la salmonellosi e la listeriosi

Il gorgonzola il brie e altri tipi di formaggio erborinato o a crosta fiorita: (cioè ricoperta da muffe), anch’essi associati al rischio di listeriosi

Il paté: in quanto esiste il rischio di infezioni da listeria

Gli alcolici


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


B-WOMAN Srl

Via dei Monti Parioli 6, 00197 Roma
PI e CF 14999761001
Pec: b-womansrl@legalmail.it
Mail: info@b-woman.it
www.b-woman.it

Tel: 06/92599080
Tel: 06/92599081
Mob: 393-9259908

Orari

 Lun 09.30 – 18:30
 Mar 09.30 – 18:30
 Mer 09.30 – 18:30
 Gio 09.30 – 18:30
 Ven 09.30 – 13:30
 Sab – Dom Chiuso

Lavora con noi

B-woman cerca nuove figure professionali da inserire nel proprio team su ROMA – MILANO – TORINO

Inviare il proprio CV alla mail
collaboratori@b-woman.it

Copyright B-Woman 2022. All rights reserved.