Infertilità Maschile

I fattori che concorrono all’infertilità maschile sono molteplici e possono presentare una base genetica o possono essere legati allo stile di vita e alle esposizioni ambientali. I principali sono i seguenti:

  • Il fattore flogistico-infettivo: le infezioni possono compromettere la fertilità maschile, sono in grado di causare reazioni infiammatorie, stimolano la produzione di anticorpi antispermatozoo, aumentano la produzione di radicali liberi dell’ossigeno da parte dei leucociti del liquido seminale e ostruiscono i vasi deferenti e l’epididimo.
  • Il fattore immunologico: la presenza di anticorpi antispermatozoo (ASA) si associa ad una ridotta capacità riproduttiva determinando processi di agglutinazione e riduzione della motilità spermatica, possono essere presenti anche senza spermioagglutinazione che a sua volta può essere causata da altri fattori rispetto agli anticorpi antispermatozoo.
  • I fattori neuroendocrini: che determinano anomalie nella produzione e nella maturazione degli spermatozoi. Il problema ormonale più comune è rappresentato dall’ipogonadismo o dall’ipogonadismo-ipogonadotropo che consiste in una diminuzione del rilascio di gonadotropine ipofisarie (FSH e LH), responsabili della produzione di testosterone e del liquido seminale. Raramente anche l’ipertiroidismo e l’ipotiroidismo possono determinare infertilità maschile in quanto esercitano effetti negativi sul funzionamento sia dell’ipofisi che dei testicoli. Negli ultimi anni sta emergendo l’impatto di alcune sostanze definite come interferenti endocrini o “endocrine disruptors”, sul tratto riproduttivo maschile. In particolare, il possibile ruolo negativo svolto da alcune sostanze ad attività ormonale come per esempio l’uso di ormoni per scopi sportivi, esposizioni a pesticidi o inquinanti ambientali, in grado di alterare i parametri seminali (3).
  • Il fattore vascolare: il varicocele è una patologia molto comune che rappresenta un importante fattore di rischio. Consiste in una dilatazione delle vene della sacca scrotale, con conseguente reflusso e stasi del sangue nel testicolo. La stasi può determinare una diminuzione della qualità del liquido seminale, causando ipossia nel tessuto interstiziale del testicolo e un leggero aumento della temperatura testicolare, che può di per sé danneggiare gli spermatozoi.
  • Il fattore testicolare: comprende anomalie genitali, tra cui la torsione del funicolo testicolare e il criptorchidismo unilaterale o bilaterale; quest’ultimo è caratterizzato dalla mancata discesa di uno o di entrambi i testicoli nella sacca scrotale (4).
  • Il fattore età: la capacità riproduttiva subisce un declino con l’avanzare dell’età non solo nella donna ma, in parte, anche nell’uomo. Con l’avanzare dell’età degli uomini i livelli di testosterone sia totale che libero diminuiscono, mentre aumentano i livelli di SHBG e gonadotropina (4). Anche i parametri del seme iniziano a cambiare, peggiorando (5) insieme ai tassi di successo di cicli di fecondazione assistita che peggiorano all’aumentare dell’età paterna (6). Inoltre, dopo i 40 anni, gli uomini possono presentare maggiormente danni al DNA nei loro spermatozoi (7).
  • Fattore stile di vita: così come per la donna anche per l’uomo il consumo di alcool, caffeina, fumo, e errate abitudini alimentari e il sovrappeso possono influire negativamente sui parametri seminali e, dunque, sulla fertilità maschile (8-11).

 Biblio

  1. Bonde JP, Flachs EM, Rimborg S, Glazer CH, Giwercman A, Ramlau-Hansen CH et al. The epidemiologic evidence linking prenatal and postnatal exposure to endocrine disrupting chemicals with male reproductive disorders: a systematic review and meta-analysis. Hum Reprod Update 2016;23:104-25.
  2. Skakkebaek NE, Rajpert-De Meyts E, Buck Louis GM, Toppari J, Andersson AM, Eisenberg ML et al. Male Reproductive Disorders and Fertility Trends: Influences of Environment and Genetic Susceptibility. Physiol Rev 2016;96:55-97.
  3. Kasman AM, Li S, Zhao Q, Behr B, Eisenberg ML. Relationship Between Male Age, Semen Parameters and Assisted Reproductive Technology Outcomes. Andrology 2020.
  4. Frattarelli JL, Miller KA, Miller BT, Elkind-Hirsch K, Scott RT, Jr. Male age negatively impacts embryo development and reproductive outcome in donor oocyte assisted reproductive technology cycles. Fertil Steril 2008;90:97-103.
  5. Vaughan DA, Tirado E, Garcia D, Datta V, Sakkas D. DNA fragmentation of sperm: a radical examination of the contribution of oxidative stress and age in 16 945 semen samples. Hum Reprod 2020;35:2188-96.
  6. Sharma R, Harlev A, Agarwal A, Esteves SC. Cigarette Smoking and Semen Quality: A New Meta-analysis Examining the Effect of the 2010 World Health Organization Laboratory Methods for the Examination of Human Semen. Eur Urol 2016;70:635-45.
  7. Karmon AE, Toth TL, Chiu YH, Gaskins AJ, Tanrikut C, Wright DL et al. Male caffeine and alcohol intake in relation to semen parameters and in vitro fertilization outcomes among fertility patients. Andrology 2017;5:354-61.
  8. Salas-Huetos A, Bullo M, Salas-Salvado J. Dietary patterns, foods and nutrients in male fertility parameters and fecundability: a systematic review of observational studies. Hum Reprod Update 2017;23:371-89.
  9. Oztekin U, Caniklioglu M, Sari S, Gurel A, Selmi V, Isikay L. The impact of body mass index on reproductive hormones, testosterone/estradiol ratio and semen parameters. Cent European J Urol 2020;73:226-30.
 

B-WOMAN Srl

Via dei Monti Parioli 6, 00197 Roma
PI e CF 14999761001
Pec: b-womansrl@legalmail.it
Mail: info@b-woman.it
www.b-woman.it

Tel: 06/92599080
Tel: 06/92599081
Mob: 393-9259908

Orari

Lun 09.30 – 18:00
Mar 09.30 – 19:00
Mer 09.30 – 19:00
Gio 09.30 – 19:00
Ven 09.30 – 18:00
Sab – Dom Chiuso

Seguici anche su Facebook!

Copyright by B-Woman 2019. All rights reserved.